Questa istituzione milanese, che opera ormai da più di quarant’anni, porta il nome di uno dei protagonisti del progresso tecnico e scientifico e dello sviluppo industriale nell’Italia del secolo diciannovesimo.   Carlo Erba non fu solo il massimo pioniere dell’industria chimico-farmaceutica nel nostro paese, ma fu anche fra i promotori di altre importanti iniziative industriali, culturali ed educative, fra cui la costituzione della società elettrica Edison e della "Istituzione Elettrotecnica Carlo Erba" presso il Politecnico di Milano (1886), che egli dotò largamente. Fu quindi naturale intitolare a Carlo Erba una iniziativa con scopi culturali e scientifici ideata e promossa nel 1959 dalla società Carlo Erba s.p.a. e dal suo Consigliere Delegato, Edoardo Visconti di Modrone Erba. La famiglia Visconti mise a disposizione una splendida sede presso il Palazzo Visconti in Milano, e consentì che la Fondazione si ornasse del Biscione, storica componente dello stemma della casata. L’istituzione, già da tempo operante, acquistò l’autonomia attraverso la costituzione nel 1975, da parte di Montedison s.p.a. e Carlo Erba s.p.a., della Fondazione Carlo Erba, che ottenne il riconoscimento giuridico nel 1982 (D.P.R. n. 365 del 23.3.1982). Successivamente sia Montedison s.p.a. che Carlo Erba s.p.a. si fusero con altre società.
La Fondazione Carlo Erba concentrò inizialmente la sua attività nei vari campi della scienza medica e farmaceutica.
Fin dal principio essa costituì in quest’ambito, e tuttora rappresenta, un punto di riferimento, di incontro e di stimolo per la comunità scientifica italiana e internazionale, principalmente attraverso l’organizzazione di un gran numero di conferenze e convegni, a cui danno liberalmente il loro contributo illustri esponenti dei settori di volta in volta interessati, e a cui assistono senza alcuna restrizione e senza spesa tutti coloro che intendono farlo.